Cooperazione Italia, un’occasione sfumata

l 10 aprile l’Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) ha rilasciato i dati preliminari sull’aiuto pubblico allo sviluppo (aps) del 2018. Quello che emerge è un quadro difficile per il nostro paese che riporta indietro la cooperazione italiana di diversi anni e spinge a rivedere al ribasso le stime sul futuro, che già segnavano un percorso in declino.

Il nostro paese si è impegnato a destinare entro il 2020, come obiettivo intermedio, una quota pari allo 0,30% del pil in aiuto pubblico allo sviluppo. È sempre più improbabile che l’Italia raggiunga nel 2020 questo obiettivo.

Già con l’ultima legge di bilancio però era diventato evidente che i fondi destinati all’aps sarebbero cominciati a calare ma ci si aspettava che questo avvenisse tra il 2019 e il 2020. Invece i contributi italiani in aiuto pubblico allo sviluppo, che avevano visto una crescita costante tra il 2012 e il 2017, segnano un brusco calo già nel 2018.

-21,3% il calo del contributo italiano in aiuto pubblico allo sviluppo tra il 2017 e il 2018 in termini reali.

Nel 2018 rispetto all’anno precedente manca all’appello circa 1 miliardo di euro per la cooperazione.


Fonte: OPENPOLIS

per approfondire:

https://www.openpolis.it/esercizi/crollano-i-fondi-per-laiuto-pubblico-allo-sviluppo/

Lascia un commento